L'Antico Mistero della TrappaIn bilico fra realtà, leggenda e fantasia, questa storia, che si sviluppa attorno al rinvenimento di una pietra tombale, ed all’iscrizione C.W. 1803, incisa su di essa, oltre ad alcune pittoresche caratterizzazioni, non rinuncia ad offrirci un interessante confronto storico dell’epoca dello sviluppo industriale con la situazione me-dievale, ed una descrizione della vita “vissuta” di taluni uomini, contrapposta alla vita “immaginata” o “rinunciata” di altri. Con il pretesto di svelare uno dei misteri riguardanti la Trappa di Nostra Signora dell’Immacolata Concezione, monastero trappista, ospitato, a cavallo tra il XVIII ed il XIX secolo dall’edificio che, ancora oggi, si erge nella biellese valle Elvo, il narratore, un’entità imprecisata che, proveniente da un’epoca futura, viaggia a ritroso nel tempo, ci parla degli uomini, dei loro feticci, delle lotte per il potere e del loro sforzo per non sentirsi inutili nel mondo che li ospita. Quello che si presenta al lettore come un avvincente racconto, si rivela, tra le righe, una chiave di lettura della nostra esistenza, o meglio, di come probabilmente, in futuro, verranno lette le pagine della storia che l’uomo, attimo per attimo, va scrivendo.